Sempre più spesso si sente parlare di spirulina e dei suoi effetti benefici sul nostro organismo. In molti però hanno ancora molte perplessità e dubbi: cos’è ma, soprattutto, a cosa serve? Approfondiamo insieme l’argomento.

Origini della spirulina

La spirulina è una microalga commestibile di colore verde-azzurro ricca di sostanze nutritive e funzionali quali: proteine vegetali altamente assimilabili, aminoacidi, carboidrati, importanti minerali quali ferro, calcio, magnesio e potassio ed altrettanto significativi oligo-elementi come il selenio.

Nella spirulina sono presenti nutrienti vitali quali vitamine ed acido folico, acidi grassi essenziali, pigmenti disintossicanti quali la clorofilla e altri antiossidanti e antinfiammatori come la ficocianina.

La spirulina ha origini legate agli albori della nostra civiltà: pare rientrasse già nell’alimentazione quotidiana delle più antiche ed evolute civiltà del Centro America, quali ad esempio gli Aztechi, e che se ne cibassero regolarmente anche le popolazioni residenti intorno al lago Ciad al tempo della colonizzazione romana.

Ecco perché, sebbene la spirulina biologica cresca principalmente in maniera spontanea, non è raro imbattersi in territori del pianeta dove la spirulina è vera e propria fonte di coltivazione.

Del resto, recentemente, è stata proprio la FAO ad avviare molteplici progetti, per promuovere l’uso della spirulina bio come importante rimedio per combattere la fame e la malnutrizione nel mondo, contribuendo a incentivarne uno sviluppo sostenibile.

Spirulina: dove trovarla e come assumerla

In virtù della sua ricca e variegata composizione, l’alga spirulina vanta innumerevoli proprietà e benefici, si presta a svariati usi ed è disponibile in molteplici formati.

Partiamo dal principio, quali sono le principali forme in cui si può trovare la spirulina e come assumerla? Sappiate che anche in questo la spirulina è estremamente versatile e lascia ampia alternativa di scelta.

Potrete infatti optare per integratori a base di spirulina in compresse e capsule, per la spirulina in polvere, per integratori a base di spirulina essiccata o ancora per una tazza di tisana a base di alga.

Se poi si volesse provare oltre agli integratori ad introdurre gradualmente quest’alga nella propria alimentazione, esistono una moltitudine di ricette sfiziose a base di spirulina. Non è questa la sede per elencarle né per descriverne ingredienti e preparazione, ma almeno vogliamo citare una delle più ghiotte e famose: gli gnocchi di spirulina. Questo perché, ed è giusto sottolinearlo, la spirulina ha un gusto sostanzialmente piacevole anche se il gradimento al palato resta sempre estremamente soggettivo.

Ciò non toglie che il sapore, gradito o meno che sia, passa in secondo piano rispetto ai benefici offerti.

Ma dove comprarla? È facile da reperire? In realtà la larga diffusione che il prodotto ha raggiunto negli ultimi anni l’ha resa facile da trovare e disponibile praticamente ovunque: in farmacia, erboristeria e persino su tantissimi siti internet dedicati allo shopping online, Amazon in primis.

Quel che è certo è che la spirulina produce effetti benefici notevoli per l’organismo e la salute. Entriamo nel merito dei suoi campi di applicazione.

Benefici della spirulina per chi fa sport e non solo

Interessante è anzitutto il connubio esistente tra spirulina e sport. La spirulina naturale è una sorprendente fonte di energia, che accresce in maniera bilanciata la concentrazione e la resistenza alla fatica dell’organismo umano e, proprio per questo, ne esalta le prestazioni fisiche e intellettuali.

Tale alga è ritenuta un super alimento, grazie al fatto che il suo profilo nutrizionale è di gran lunga superiore a quello di qualsiasi altro alimento (verdure, cereali ecc.) di cui siamo soliti nutrirci.

La spirulina pura svolge una decisa azione stimolante sul sistema immunitario, rinforzandolo e rendendolo più resistente, inoltre esercita un’intensa azione antiossidante contro i radicali liberi.

L’assunzione di spirulina liquida o in qualsiasi altro suo formato è indicata come rimedio naturale integrativo in caso di carenze nutrizionali. La spirulina organica infatti è una preziosa fonte di vitamine, ed in particolar modo è ricco l’apporto fornito dalla spirulina B12.

Il suo completo apporto vitaminico, unito alla presenza di calcio, svolge una notevole azione terapeutica e preventiva contro l’osteoporosi.

Grazie alla spirulina, ferro e acido folico vanno ad integrare in maniera decisa quelle che sono le eventuali carenze presenti nel nostro organismo. La stessa cosa può dirsi, ancora, per l’apporto di Omega 3.

Associata alla zeolite, la spirulina si rivela poi prodigiosa per contrastare quasi tutti i tipi di allergia, da quella al nichel a quella ai pollini e graminacee.

Spirulina: capelli e unghie

In virtù della sua alta concentrazione di vitamine, principalmente del gruppo B, la spirulina si rivela un autentico toccasana per i nostri capelli.

Questo perché, aiutando a contrastare le situazioni di stress fisico e mentale, proprie soprattutto dei periodi di cambio di stagione, riduce drasticamente la perdita di capelli.

Oltre che sulla caduta dei capelli, l’azione calmante e sedativa della spirulina concorre a contrastare l’insonnia ed i più diffusi e frequenti stati d’ansia.

Tornando a parlare di capelli, l’assunzione di integratori a base di questa prodigiosa alga contribuisce ad esaltare la lucentezza degli stessi.

Lo spiccato effetto mineralizzante della spirulina, oltre che ai capelli, apporta considerevoli benefici anche sulla crescita e robustezza delle unghie.

Uso cosmetico e diabete

Proprio la ricchezza di sostanze antiossidanti contenute in tale alga, hanno spinto sempre più la diffusione della spirulina anche per uso cosmetico.

Esattamente a metà strada tra cosmesi e dermatologia, grazie alla ricca presenza di vitamina A, la spirulina concorre a combattere l’acne e gli altri fastidiosi inestetismi cutanei.

Inserita all’interno di un contesto alimentare e terapeutico adeguato, la spirulina si rivela un prezioso alleato per i pazienti affetti dalle patologie del diabete nelle sue varie forme, poiché interviene direttamente sul fabbisogno di insulina del paziente, comportandosi da riduttore dell’indice glicemico.

Spirulina per chi vuole dimagrire

Inoltre, l’assunzione di integratori a base di spirulina è consigliata a chi vuole dimagrire.

La presenza di feninalanina (un aminoacido) nella sua composizione, contribuisce ad indurre un maggior senso di sazietà, che semplifica la vita a chi sta seguendo una dieta ipocalorica.

Questo spiega perché un numero sempre maggiore di persone usa la spirulina per dimagrire.

Per una più efficace azione dimagrante, sovente si tende ad abbinare l’uso di spirulina a quella di garcinia e carciofo, o attraverso prodotti che contengono in diverse percentuali tutti e tre gli elementi, oppure abbinando l’uso di differenti integratori.

Le proprietà depurative e disintossicanti della spirulina poi, regolano il corretto funzionamento dell’intestino, contrastando in maniera efficace fastidiosi disturbi cronici quali gastrite, sindrome del colon irritabile e diarrea.

Spirulina e pressione alta

L’assunzione di spirulina nel congruo dosaggio, generalmente pari a 4-5 grammi al giorno, agevola la produzione di ossido nitrico e, grazie a tale molecola, l’alga esercita un’importante azione rilassante e vaso dilatatoria.

Questo permette di ridurre i livelli di pressione sanguigna, svolgendo in tal modo un’efficace azione preventiva rispetto al rischio di contrarre gravi patologie quali ictus, infarto o malattie croniche.

Gravidanza e allattamento

L’assunzione di spirulina in gravidanza è fortemente consigliata, anche in dosaggi piuttosto abbondanti, poiché fornisce tutti quei nutrimenti essenziali a garantire il pieno e completo sviluppo del feto, preservandolo dal rischio di eventuali malformazioni e disturbi derivanti da carenze nutrizionali.

Similmente l’assunzione di spirulina in allattamento si rivela preziosa oltre che per il bambino per la mamma, poiché aiuta la madre a reintegrare i liquidi e le sostanze nutrienti perse con l’allattamento.

Spirulina

Spirulina in polvere ed in capsule.

Spirulina: qual è la migliore?

In virtù della ricchissima offerta di prodotti ed integratori a base di spirulina disponibili sul mercato, un altro interrogativo parecchio frequente può essere quello che porta a chiedersi qual è la migliore marca?

Senza voler stilare una classifica tra i differenti prodotti disponibili, vogliamo soffermarci su una rapida rassegna degli stessi.

Prima di presentarli parliamo anche di dosaggio e posologia della spirulina. Il momento del giorno quando assumerla e la quantità giornaliera generalmente sono sempre indicate sulla confezione del prodotto. Pertanto, in virtù della marca e formato da voi acquistato, attenetevi alla dose giornaliera indicata espressamente dal produttore.

Tra i massimi produttori e distributori di integratori di spirulina un posto in primo piano è occupato da quelli della Aboca; molto apprezzate sono anche le tavolette di spirulina Solgar.

La spirulina Arkocapsule, la spirulina Bioearth, la spirulina Joachim e Kaeser e la spirulina Long Life sono ulteriori quattro marche tra le più apprezzate dai consumatori. Ma sono talmente tante e tutte o quasi parimenti valide che risulta difficile elencarle tutte.

Guardate sempre alla provenienza dunque: se la confezione riporta la dicitura spirulina cubana o spirulina italiana c’è da fidarsi; similmente se è presente la specifica “spirulina non cinese”.

La spirulina bio presenta prezzi differenti proprio in funzione della marca e del formato dell’integratore; ad ogni modo il costo finale non è mai proibitivo e, comunque il prezzo finale speso per il suo acquisto vale sempre l’efficacia del prodotto.

Spirulina: effetti collaterali?

Dopo averne descritto gli innumerevoli benefici, è doveroso concludere il nostro approfondimento chiedendosi se l’alga spirulina presenti anche delle controindicazioni.

Sebbene non è da annoverare tra gli effetti collaterali veri e propri, il binomio spirulina e tiroide può presentare alcuni fattori di rischio. Questo in virtù dell’alta percentuale di iodio contenuta in tale alga.

Se la carenza di iodio, infatti, compromette la corretta funzionalità della tiroide, un sovradosaggio di tale sostanza può fornire l’effetto inverso alla regolazione delle funzionalità della ghiandola.

Tuttavia, quando si parla di spirulina e ipotiroidismo, non necessariamente è vietata l’assunzione del prodotto.

È però bene consultarsi sempre con il proprio medico, ed attenersi al dosaggio minimo che questi vi consiglierà.

Un sovraddosaggio di spirulina, inoltre, talvolta può essere fonte di fastidiosi mal di testa.

Questo è frequente soprattutto nelle preparazioni contenenti anche determinati composti metallici. In tal caso, oltre a ridurre il dosaggio della sostanza che si sta assumendo, sarà sufficiente bere parecchia acqua per smaltire più agevolmente gli agenti inquinanti.

Talvolta in determinati soggetti si è riscontrata l’insorgenza di lieve tachicardia dopo l’assunzione di spirulina. Si tratta tuttavia di una reazione soggettiva, priva di evidenze scientifiche e non annoverabile dunque tra le controindicazioni acclarate che, a conti fatti, sono irrisorie rispetto ai molteplici benefici dell’alga, e spesso spariscono modificando i dosaggi.

Costanza Gori