L’Aloe vera è una pianta dalle innumerevoli qualità. Il suo utilizzo infatti è impiegato sia per la salute dell’organismo, che per trattamenti di bellezza. Pare inoltre che l’Aloe sia indicata per prevenire diverse forme tumorali e per rafforzare le difese dell’organismo. Ha proprietà antinfiammatorie, depurative e disintossicanti, tanto che viene utilizzata anche per i malati di HIV e di leucemia. Per tutte le sue proprietà, l’Aloe vera è stata denominata la panacea della piante.

L’Aloe vera: proprietà e benefici principali della pianta per il nostro organismo

L’Aloe vera è la regina di tutti i rimedi naturali. Il suo uso più comune è legato all’azione antinfiammatoria. Proprio per questo viene utilizzata anche dai malati di HIV e leucemia. La parte benefica della pianta è il succo, che viene ricavato dalla lavorazione delle foglie. Dopo un complesso procedimento, si estrae un succo dalla consistenza densa e corposa, simile ad un gel. Il succo ha un odore piacevole e balsamico. Proprio ne succo sono contenuti i principi attivi dell’Aloe vera. La particolarità della pianta sta nell’azione sinergica di tutte le sue proprietà, che ricordiamo essere l’azione immunostimolante, depuratrice, antinfiammatoria, nutriente e mineralizzante.

Se soffrite di problemi intestinali quali stitichezza o diarrea, l’Aloe vera vi porterà un grande sollievo, in quanto andrà a riequilibrare la flora batterica in maniera naturale. La pianta va ad agire precisamente sulle mucose del tratto gastro intestinale. Aderendo alle pareti dello stomaco, crea un film sottile che lo protegge dall’azione degli acidi e impedisce la proliferazione batterica. Ecco perché bere regolarmente il succo dell’Aloe vera riduce i fastidi intestinali ed evita il peggioramento di patologie acute in corso. Potete assumere il succo se soffrite di colon irritabile, colite, gastrite o bruciore di stomaco.

L’Aloe ha anche un efficace funzione calmante, contribuendo a lenire i dolori e gli spasmi dello stomaco che, come si sa, sono legati in maniera indissolubile a condizioni di stress e ansia generalizzata. Il succo dell’Aloe è inoltre indicato per chi ha un sistema immunitario debole o a rischio, come ad esempio i malati di leucemia o di HIV. Il succo rafforza le difese dell’organismo e stimola l’auto protezione degli organi interni. Il nostro corpo sarà dunque meno esposto a virus e infezioni batteriche, estremamente pericolose per i soggetti affetti da HIV e per i sieropositivi. In particolare, nei malati di HIV, l’Aloe vera è in grado di migliorare notevolmente i livelli dei linfociti T e B. L’Aloe, da recenti ricerche, pare che aiuti a migliorare la funzionalità dei macrofagi, i microorganismi che agiscono contro gli attacchi delle cellule tumorali e delle tossine.

Chi beve regolarmente il succo d’Aloe vera, pare sia meno soggetto a sindromi comuni da raffreddamento, prime tra tutti l’influenza, le affezioni del tratto respiratorio e i virus intestinali. Il succo di Aloe è un vero e proprio toccasana per i reumatismi e le artriti, perché contiene principi steroidei, eccezionali per combattere e lenire i sintomi delle patologie di origine infiammatoria e reumatologica. A differenza degli steroidi chimici, non ha alcun effetto collaterale e non è tossica, tanto che può essere assunta anche da soggetti anziani.

Oltre al succo d’Aloe, questa pianta si può trovare anche sotto forma di gel o pomata. In questo caso viene utilizzata per affezioni esterne, tra cui herpes labiali e vaginali. Come accennato prima infatti, la pianta è in grado di svolgere un’ottimale azione anti batterica e disinfiammante. Il gel all’Aloe viene spesso usato per combattere patologie dermatologiche che vanno dai semplici arrossamenti fino alle forme di acne severa o di rosacea. Grazie alle proprietà antibatteriche e lenitive, sfiamma la zona senza irritarla, riportando ai valori ottimali il Ph della pelle e svolgendo una preziosa azione sebo regolatrice.

L’Aloe vera per la bellezza di viso e corpo

L’Aloe vera, come abbiamo visto, esiste in varie tipologie: succhi, olio e creme. Le creme e gli oli sono particolarmente indicate per la cura e la bellezza di viso e corpo. Se avete occhiaie e borse, provate a stendere un velo di crema all’Aloe sulle zone interessate. Vedrete che in breve tempo questi fastidiosi inestetismi si ridurranno, con una piacevole sensazione di benessere e freschezza agli occhi.

L’Aloe è ricca di antiossidanti e vitamine. Ecco perché è molto preziosa per prevenire e combattere le rughe. A differenza delle creme tradizionali, l’Aloe penetra in profondità nell’epidermide, stimolando la produzione continua di collagene e combattendo i radicali liberi, i principali responsabili dell’invecchiamento cellulare. Dato che l’Aloe è un potente antiossidante, può essere utile anche per rinfrescare le gambe e diminuire il gonfiore.

L’Aloe, avendo gli stessi principi di frutti rossi, stimola la micro circolazione sanguigna, pertanto migliora la situazione delle vene varicose e dei capillari in vista. La cellulite, come sappiamo, affligge quasi tutte le donne, indipendentemente che siano magre o meno. La cellulite è provocata da un ristagno di liquidi nei tessuti, che provoca gonfiore e ritenzione idrica. Una applicazione costante dell’Aloe vera aiuta a drenare, migliorando di molto l’aspetto della pelle. Se siete in lotta costante con acne e brufoli, resistete e non schiacciate i comedoni. Non fareste altro che peggiorare la situazione. Le creme topiche all’Aloe sono indicate per l’acne, per i brufoli e per la rosacea, in quanto contengono agenti sebo regolatori e disinfiammanti. Proprio per questo motivo viene impiegata anche per trattare affezioni dermatologiche comuni quali forfora, psoriasi e dermatite seborroica.

Come si utilizza l’Aloe vera e le sue controindicazioni

L’aloe vera in forma di succo puro può essere assunta ogni mattina, a stomaco vuoto. Ne basta un cucchiaino da caffè da sciogliere in un bicchiere di acqua naturale. Se l’Aloe viene estratta direttamente dalla foglia, è bene berne pochissima, perché contiene una elevata dose di aloina, a differenza dei preparati in commercio.

Per quanto riguarda invece l’Aloe in crema o in gel, non ci sono particolari raccomandazioni. Per curare herpes, dermatiti e piccole scottature o ustioni, potete applicare la crema quando ne sentite il bisogno. Se invece state trattando l’acne o la rosacea, la crema all’Aloe va stesa due volte al giorno, mattino e sera. Per i trattamenti antirughe e anticellulite, ricordatevi di abbinare l’applicazione del gel o della crema a un adeguato e lungo massaggio. Dopo aver pulito la zona e fatto se possibile uno scrub preparatorio, si va a prelevare una quantità sufficiente di crema. Si applica sulle zone interessate, quindi si procede a massaggiarla con movimenti circolatori e regolari, fino a completo assorbimento.

Nel caso infine in cui usiate l’Aloa per eliminare la forfora o la desquamazione sebacea del cuoio capelluto, seguite questi consigli: sciacquate accuratamente i capelli con acqua tiepida. Versate poi un misurino di shampoo all’Aloe vera sul cuoio capelluto. Massaggiatelo con cura, quindi risciacquate i capelli. Ripetete se necessario una seconda volta. Perché sia efficace, lo shampoo all’Aloe non va mischiato con altri prodotti per la detersione dei capelli, balsami compresi. Lavate i capelli con l’Aloe non più di una volta alla settimana, per non rischiare di seccarli troppo. L’Aloe vera non ha particolari controindicazioni se usata nelle forme di crema e gel. Nel caso del succo, chiedete sempre consiglio al vostro medico curante, specie se siete affetti da particolari patologie. Il succo è controindicato per i bambini al di sotto dei dodici anni e per le donne in gravidanza o che allattano. Gli anziani possono invece assumere l’Aloe, sempre dietro parere medico.

La ricetta per preparare l’Aloe in casa

Con un po’ di attenzione, è possibile preparare una pasta di Aloe, particolarmente indicata per il trattamento della pelle matura e soggetta alla formazione delle rughe.

Vi serviranno due bicchieri di acqua minerale, un cetriolo e 500 grammi di Aloe vera in gel, che potete trovare in qualsiasi erboristeria.

Lavate il cetriolo, togliete la buccia e tagliatelo a metà, quindi frullatelo. Amalgamate tutti gli ingredienti, fino ad ottenere un composto liscio e compatto. Potete conservarlo in un vasetto di vetro dotato di chiusura ermetica. La crema può essere messa in frigorifero e dura circa una decina di giorni.

Una volta preparata, non dovrete fare altro che applicarla sul viso e sul collo mattino e sera, associando un massaggio profondo. Se invece volete preparare il succo da bere, la procedura è un pochino più complicata. Per essere sicuri della qualità della pianta, accertatevi di coltivare l’Aloe Barbadensis Miller. La pianta, una volta utilizzata, può essere propagata nuovamente per mezzo del metodo delle talee.

Vediamo come ottenere il succo. Iniziate a raccogliere alcune foglie. Dovete effettuare un taglio netto e perpendicolare, in modo da non rovinare il fusto della pianta. Le foglie più esterne sono quelle da utilizzare per prime. Successivamente, mettete sotto l’acqua le foglie, eliminando residui di polvere e terra. Fatto questo, sistemate le foglie su un tagliere e eliminate tutte le spine e lo strato giallo che si trova in superficie. Aiutandovi con un coltello affilato, sfilettate le foglie in senso longitudinale. Ora potete raccogliere il gel, utilizzando un semplice cucchiaino. Travasate il gel all’interno di un frullatore. Aggiungete 150 ml di succo di limone e frullate, fino ad ottenere un composto omogeneo e senza grumi. A questo punto, sterilizzate un vasetto di vetro e mettete il gel al suo interno. Il gel di Aloe vera va sempre conservato in frigorifero, perché mantenga inalterate le sue proprietà.

Anche se estratto dalla pianta, non preoccupatevi: il succo realizzato in casa non è assolutamente velenoso ed è efficace come quello comprato in farmacia. Per quanto riguarda la posologia, limitatevi ad un cucchiaino da caffè tutte le mattine, da assumere in forma pura o con una bevanda. L’importante è che siate a stomaco vuoto. L’Aloe vera non ha particolari controindicazioni. Tuttavia, se doveste notare sintomi dopo la sua assunzione o applicazione topica, recatevi dal vostro medico curante, che vi dirà cosa fare. In genere eventuali effetti collaterali scompaiono completamente e autonomamente dopo qualche ora dall’assunzione dell’Aloe. Se decidete di bere il succo, iniziate con periodi di 15 giorni, per poi sospendere la somministrazione dell’Aloa per almeno una settimana. In questo modo, il vostro corpo si abituerà gradualmente alla preziosa sostanza. Se acquistate succhi o creme dermatologiche all’Aloa, assicuratevi di conservare le confezioni in un luogo fresco e asciutto e di rispettare le date di scadenza indicate. Tenete le confezioni lontano dalla portata dei bambini.

Redazione UnaDonnaSana