HomeSaluteBulimia, libri per comprendere e affrontare il disturbo

Bulimia, libri per comprendere e affrontare il disturbo

-

Il termine bulimia deriva dal termine greco boulimía e significa “fame vorace”. È un disturbo alimentare, di natura psicologica, che colpisce soprattutto donne fra i 16 e i 40 anni. Questa patologia comporta un eccessivo aumento della fame, seguito da comportamenti volti a diminuire le conseguenze dell’ingerimento di calorie (provocazione di vomito, eccessiva attività fisica, digiuni).

Guarire dalla bulimia è possibile. Vi segnaliamo quattro libri che raccontano questo disturbo e spiegano come affrontarlo. Si tratta di letture sono interessanti soprattutto per persone che desiderano aiutare amici o parenti che ne sono affetti. 

A. Mazzochel, La caduta delle farfalle, Ed. Città Nuova, 2016. 

Una donna bulimica. La protagonista di questo racconto è la compagna dell’autore che, in queste pagine, racconta le cause che hanno portato alla malattia – dalla morte della madre alla sensazione di essere incompresa – la degenza a seguito di un infarto e il recupero. Emozioni e sentimenti di chi ha vissuto con una persona affetta da questo disturbo. 

R. Pozzetti e L. Romano, Gaia di nome, Ed. Il Ciliegio, 2016. 

Saggio scritto a quattro mani da una consulente educativa e uno psicanalista, che indaga sulla molteplicità di elementi che entrano in gioco nelle patologie legate ai disturbi alimentari. Queste origini “multifattoriali” richiedono un metodo multidisciplinare nel trattamento della bulimia e dell’anoressia. 

L. Dalla Ragione e S. Marucci, L’anima ha bisogno di un luogo. Disturbi alimentari e ricerca dell’identità, Ed. Tecniche Nuove, 2016. 

Interessante libro scritto dalla psichiatra e psicoterapeuta, direttrice del Centro DCA (Disturbi del Comportamento Alimentare USL 1) e da un medico endocrinologo che lascia intravedere la speranza della guarigione alle persone affette da bulimia e anoressia

F. De Clercq, Tutto il pane del mondo. Cronaca di una vita fra anoressia e bulimia, Bompiani, 1994. 

Toccante documento autobiografico, dove l’autrice – prima bulimica, poi anoressica – racconta i disagi delle persone con disturbi del comportamento alimentare, invitando chi ne è affetto a chiedere aiuto per riuscire a salvarsi.